MINI DISTRESS INK

Ideati da Tim Holtz per Ranger, questi tamponi imbevuti di inchiostro a base d’acqua, idrosolubili ed acid free, sono ideali per stamping, tecniche di invecchiatura, colorazioni a pennello e molti altri metodi d’impiego.
Il Distress Ink e’ un inchiostro specifico per donare alle nostre carte e foto un aspetto un po’ anticato.
Asciuga piu’ lentamente rispetto ad altri inchiostri, consentendo l’uso di pennelli o altro attrezzo idoneo a donare un aspetto più morbido e soft, in modo da ombreggiarlo o anche di farlo a rilievo.
Spruzzando o semplicemente gocciolando dell’acqua sulle parti trattate dall’inchiostro, otteremo un effetto invecchiato dal tempo. Infatti nei punti in cui l’acqua si mescolerà al Distress Ink, questo risulterà sbiadito in modo quasi naturale.
Se vogliamo donare un aspetto anticato, ma comunque soft dovremo usare dell’acqua insieme al Distress Ink. Innanzitutto accartocciamo la carta che andremo ad usare, per rompere le fibre della stessa. Passiamo quindi il tampone di Distress Ink sulla superficie, potremo utilizzare anche piu’ di una colorazione secondo i nostri gusti e ovviamente sempre in funzione di cio’ che dobbiamo realizzare. Fatto cio’ spruzziamo la superficie di acqua, subito noteremo come il Distress ink reagisce al contatto con essa. Sebbene non sia necessario asciugare meccanicamente l’inchiostro, una asciugatura forzata ci consentira’ di tenere maggiormente sotto controllo la tonalita’, lasciando le aree non entrate in contatto con l’acqua piu’ scure e schiarendo invece, quelle bagnate dalle gocce di acqua. Se l’asciugheremo con il ferro da stiro non a vapore, avremo un aspetto decisamente piu’ morbido.
Questo inchiostro può essere utilizzato sulla carta, essendo senza acidi direttamente sulle foto qualsiasi tipo esse siano: vecchie, nuove, lucide etc., anche sui lucidi.
Bellissimo e’ l’effetto sulla stoffa, nastro o fettuccia. Da’ immediatamente un aspetto vintage; quando e’ ancora umido imprimetelo sulla carta, la trama verra’ trasferita sulla carta, oppure stampate una parola sulla stoffa trattata con Distress Ink.
La scelta di colori da utilizzare e’ampia: tonalità del rosa,del rosso, del giallo, del verde, dell’azzurro, del viola, del grigio,del marrone e del nero.

Commenti